Un ricordo di Marilena Amerise

Ho conosciuto Marilena Amerise alla fine di un periodo di ricerca di alcuni mesi, trascorso a Ginevra. Abbiamo pranzato e cenato assieme in varie occasioni, siamo andati per biblioteche e seminari  post-doc a Losanna e a Friburgo, ci siamo ritrovati qualche volta a messa (lei frequentava regolarmente la Missione Cattolica di rue de la Mairie, poi le feci scoprire la stupenda  parrocchia di Saint François de Sales, in rue des Voisins).

Era il giugno del 2007: come un battito di ciglia, un rapidissimo incrocio di strade. Da allora, infatti, non ci siamo più rivisti né sentiti. Ma conserverò sempre, nella memoria, l’immagine del suo volto allegro e dei suoi modi gentili.

La notizia della sua prematura e improvvisa scomparsa mi addolora profondamente. Non avendo alcun recapito per raggiungere i familiari, lascio questo piccolo ricordo, sperando che qualcuno tra i parenti e gli amici possa leggerlo, e sapermi vicino nella preghiera.

Pubblicità

6 thoughts on “Un ricordo di Marilena Amerise

  1. io la conoscevo come collega all’università di Perugia. mi ha sempre sostenuto col suo sorriso e la sua serenità, sempre prodiga di consigli e di slanci d’affetto.

  2. abbiamo conosciuto Marilena a Perugia nel giugno 2008, e abbiamo passato tre bellissimi giorni insieme, condividendo gioie e dolori di un’esperienza universitaria e scientifica. è poco, ma in quei pochi gioni abbiamo veramente apprezzato la sua disponibilità e la bravura, per questo vogliamo unirci nel cordoglio per la sua morte al dolore e alla preghiera degli amici e della famiglia.

  3. PER LUDWIK

    ho letto il tuo messaggio e ti invio l’indirizzo della famiglia di Marilena

    Marilena è stato un fiore meraviglioso di questa nostra terra di Calabria che ha diffuso il suo profumo dovunque si sia posato. Dieci minuti fa un funerale solenne fatto di preghiere e di ricordi ha concluso il suo rientro nella sua terra. Pressochè coetanea delle mie figlie, l’abbiamo vista crescere nelle cultura e nella fede.
    Franco Caravetta

  4. ho avuto la gioia di conoscere marilena quando a Perugia ha frequentato qualche incontro della Comunità Magnificat. Mi ha subito colpito il suo genio e il suo interesse per la cultura specialmente per il suo modo affatto saccente. La ricordo così con la sua grande semplicità e il suo sorriso gentile. Daniela Saetta

  5. Ho seguito i suoi corsi di Storia Romana all’Università di Perugia e sostenuto l’esame con lei.
    Mi ha lasciato un segno indelebile nel cuore per la sua dolcezza e professionalità.
    La ricorderò sempre con tanto affetto e stima. Era un angelo!!
    Andreana

I commenti sono chiusi.