Il primo alfabeto? Nacque in miniera

Un articolo della “Biblical Archaeology Review” che appassionerà e farà discutere gli amici di “Mnamon”: How the Alphabet Was Born from Hieroglyphs, di Orly Goldwasser. L’autrice, docente di Egittologia all’Università Ebraica di Gerusalemme, porta acqua al mulino della tesi che fu già di Tacito (Ann. XI, 58), sulle origini egizie della scrittura alfabetica.

Ad inventare il “primo” alfabeto, sostiene la studiosa, sarebbero stati i Canaanei che lavoravano presso le miniere di turchese di Serabit el-Khadim (penisola sinaitica), attorno al XIX secolo a.C., probabilmente durante il regno di Amenemhet III. Un’ipotesi già battuta dagli storici, ma che ora potrebbe trovare nuove conferme.

2 thoughts on “Il primo alfabeto? Nacque in miniera

  1. More suo anche Platone, nel Fedro, riconduceva la nascita della scrittura all’ambiente egiziano del mitico re Toth… invenzione della quale non è che fosse proprio entusiasta..

    Ciao

I commenti sono chiusi.